Blog Archives

Spalato

Spalato, è una delle più importanti città croate ed è stata una città romana sviluppatasi intorno allo sfarzoso palazzo dell’imperatore Diocleziano, fatto costruire a cavallo 30o d.C.. Pur risentendo di dominazioni diverse dopo l’Impero bizantino, in particolare della Repubblica di Venezia (quasi quattro secoli!), dell’Impero di Francia e dell’Impero Asburgico, non è mai stata conquistata dall’Impero ottomano. Tutto questo si respira camminando per i vicoli della città dove ci si affaccia entrando nelle varie Porte che incrociano le mura del Palazzo di Diocleziano.

Noi purtroppo ci arriviamo di corsa perchè dobbiamo rientrare in Italia è ci limitiamo ad una visione superficiale della parte antica che non si discosta, pur con le dovute differenze, con quella delle altre due città visitate: Zara e Sebenico.  Qui però la grande differenza la fà proprio il palazzo di Diocleziano che però nella parte interrata è da un lato completamente spoglio di qualsiasi orpello, stanzoni completamente vuoti e dall’altro nel corpo centrale riempito di bancarelle di gioielli e chincaglierie destinate ai turisti.

La cosa bella è che capitiamo nel mezzo della processione e se non sapessimo di stare in croazia potremmo benissimo pensare di stare a Roma. Colonne, marmi e travertini nei vari porticati del palazzo ci riportano indietro nel tempo anche perchè la rappresentazione prevede degli improbabili legionari giganti (sono se mpre croati!).

Alla fine, dopo aver girovagato all’interno delle mura e fuori sul lungomare ricco di baretti e chalet, pranziamo prima in un delizioso posticino a base di birra, formaggio e prosciutto e poi ci rilassiamo a leggere in un baretto molto bohemienne, ingannando l’attesa del traghetto che ci riporterà a casa.

Torna al Tour della Croazia Read more →

Sebenico

Arriviamo a Sebenico direttamente dai laghi di Plitvice dopo un afoso trasferimento in moto. La città, che è stata parte della Repubblica di Venezia fino alla fine del 1700, risente della dominazione austrica e francese che ha preceduto il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni (Jugoslavia) avvenuto dopo la grande guerra. Rimaniamo troppo poco, soltanto una sera, ma che sera! Simona aveva prenotato in una posticino di grande classe proprio nel centro storico che si è rivelato anche lui estremamente carino e ricco di negozietti e ristorantini tipici. Troppo stanchi e con il tempo ridotto ci siamo ben presto fermati a cenare in un romanticissima e deliziosa “trattoria” dove abbiamo tirato fino a tardi.

Torna al Tour della Croazia Read more →

Laghi di Plitvice

Dopo 3 giorni sul mare a Zara  e sull’isola di Pag, saliamo verso nord sulle montagne per arrivare ai famosissimi laghi di Plitvice. La strada per arrivare è comoda, come tutte le strade che abbiamo attraversato, praticamente un’autostrada, ed il paesaggio che a ridosso del mare e decisamente bruttino e brullo, ha finalmente comniciato a diventare verde e lussureggiante.

Arriviamo di primo pomeriggio e prima di tutto cerchiamo un posto per dormire. Ce ne sono diversi, anche nella cittadine che precedono il sito ma consiglio di cercare le carinissime guest house che sono proprio a ridosso (circa 2 km) dell’ingresso dei laghi. Ce ne sono due carinissime e manchiamo per un soffio quella che volevamo, accontentandoci un pò titubanti della “seconda scelta” che invece si rivela azzeccatissima.

Dividiamo la gita in due mezze giornate di passeggiate nei boschi tra mille corsi d’acqua, laghi, laghetti e cascate di ogni misura: dalle più piccole a quelle enormi. In mezzo aree di ristoro e di transito purtroppo gremite di turisti che fanno da contraltare in negativo alla bellezza del posto. Non riusciamo a fare il bagno, come qualcuno invece pare che faccia (ma trovatemelo!) anche perchè il tempo viene e và e poi tanto che ci siamo portati anche la giacca della moto.

Alla fine, stanchissimi, dopo aver fatto tutti i percorsi possibili (grazie simo!) riprendiamo la nostra strada verso il mare, direzione Sebenico.

Torna al Tour della Croazia Read more →

Isola di Pag

L’isola è larga da un minimo di due, fino ad un massimo di dieci chilometri, è lunga poco più di 300 km e, a causa delle sue tante baie, ha  un aspetto decisamente frastagliato.  E’ collegata alla terraferma da un ponte e noi ci siamo arrivati in circa 45minuti di moto direttamente in escursione da Zara. (Per saperne di più cliccate su wikipedia)

Ha un aspetto surreale  vista dalla terraferma, decisamente simile al suolo lunare. Sul lato esposto al mare invece, ha un aspetto più mediterraneo con diversi centri abitati. Su quest’ultimo versante c’è la meta dei pellegrinaggi di giovani e giovanissimi da tutto il mondo perchè c’è tutto un tratto di lungomare che è un susseguirsi di discoteche.
pag_divertimento

Abbiamo provato a scendere verso le spiagge, seguendo l’orda di macchine rimpolpate della fauna giovanile più estrema che avessimo mai visto, al ritmo di musica ipnotica sparata ad alzo zero da ogni macchina e sull’onda di uno pseudo divertimento ostentato da ragazzi di tutti i paesi ed in stato di esaltazione di massa.

Naaa! Non fa per noi. Forse siamo vecchi ma, arrivati fino in fondo, dopo aver visto quella che a noi ha fatto l’effetto di una marmaglia di gente stra-sballata ad arte per il dovere di esserci e sembrare felici, fatti o bevuti, abbiamo girato la moto e siamo andati in una bella taverna sul mare a fare il primo bagnetto ed a rimpinzarci del buonissimo formaggio di Pago (paški sir).

Torna al Tour della Croazia Read more →

Zara

Zara, città vecchia. Siamo attraccati a Zara nella città vecchia la sera verso le 22 direttamente da Ancona su un traghetto Jadrolinija dopo un viaggio tutto sommato molto tranquillo. La nostra permanenza a Zara era di tre notti prenotato con Booking presso un appartamento appena 300m fuori il centro storico.

Read more →